Sei uno Psicologo?

Scopri come essere visibile su questa e su altre directory

Cerca lo Psicologo
Dott.ssa Angela  Turchi
Dott.ssa Angela Turchi

Via Cairoli, 16 - 50131 FIRENZE (Firenze)

Cel: 347 5795428

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dr.ssa Monica Palla
Dr.ssa Monica Palla

Via Bargagna, 60 - PISA (Pisa)

Cel: 328 9063413

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dr. Daniele Coluzzi
Dr. Daniele Coluzzi

via Albimonte, 13 - 00176 ROMA, Prenestino Labicano (Roma)

Cel: 3484745043

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dr. Emilio Gerboni
Dr. Emilio Gerboni

V.le Aldini, 140 - BOLOGNA (Bologna)

Tel: +390510217358 

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dr. Davide Milanese
Dr. Davide Milanese

Via Alfieri, 25 - 15057 TORTONA (Alessandria)

Cel: 3345728034

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

In cura dalla stessa dottoressa

Sono in terapia circa da 7 anni presso una psicoterapeuta. Volevo chiedere se è possibile e normale che la stessa dottoressa possa tenere in cura mia moglie e altri due amici marito e moglie, che fanno parte della mia vita quotidiana. Faccio questa domanda perchè ultimamente ho l'impressione che questo abbia creato dei problemi di fiducia tra me e non solo con la dottoressa. Grazie per l'attenzione


Risponde il Dott. Sergio Puggelli

Caro Pietro Gia il tempo di sette anni mi sembra un pò eccessivo per una psicoterapia, probabilmente avresti necessità di un periodo di riflessione o cambiare terapeuta. Per quanto riguarda l'eventualità di avere in terapia moglie e amici, dipende dalla deontologia del professionista se è capace e in grado di non fare i vasi comunicanti poichè si possono creare tensioni.

Se sostieni di avere dubbi e di non aver scambiato la psicoterapeuta come una figura di attaccamento, consiglio, dopo un periodo di distacco di riflettere se ritieni opportuno cambiare psicoterapeuta.

Auguri


Risponde il Dott. Marco Santachiara

Buongiorno, rispondo volentieri al suo quesito. Dal suo messaggio non è chiaro che tipo di terapia lei stia seguendo, se individuale o se di tipo famigliare. E’ chiaro che se si trattasse di terapia famigliare la moglie entra in seduta insieme a lei, non certo gli amici. Nel caso si tratti invece, come mi pare di capire, di terapie individuali, allora la questione è diversa, per potere lavorare in un clima di maggiore fiducia forse sarebbe opportuno uno spazio autonomo e separato per entrambi. Ritengo che la cosa migliore sarebbe che lei parlasse apertamente alla sua Dottoressa di questo suo dubbio e del fatto che questo le da problema: sono sicuro che avrà una risposta esauriente.

Cordialmente Questa è una delle risposte date alla domanda “In cura dalla stessa dottoressa” presente su Psicologi-Italia.it.




Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!

Sei uno Psicologo? Per la tua pubblicità Clicca Qui

Questo sito fa uso di cookie. Per saperne di più leggi l'informativa

OK